22 novembre 2007

termodinamica

"Young lady, in this house we OBEY the laws of thermodynamics!"

e anche io nel mio piccolo cerco di far rispettare le leggi della termodinamica in casa.
e qui nasce la diatriba sul riscaldamento a Sartirana.

ma prima... giusto per chiarire agli ultimi lettori arryvati:
Gaiezza, amica di lunga data: ciao
arry: ehi, ciao!
G: come va'?
a: chatti con Sartirana, sai?
G: e chi è? scusa, io con i nomi...
a: Sartirana, frazione di Merate...
G: mi dice poco...
a: Gaia, è dove vivo io!!

Dicevo, a Sarty fa freddo. Un freddo becco...

- come si sta a Sartirana?
- mamma, si sta bene, è un po' freddo, ma si sta bene...
- hai acceso il riscaldamento?
- si
- a che temperatura?
- ho messo il termostato a 19, ma in casa ci sono 10 gradi in questo momento.
- eh, per forza lo lasci spento quando non ci sei...
- si, mamma... lasciare il riscaldamento acceso nei tre giorni in cui sono stato via... mi sembrava uno spreco.
- no, consuma meno se lo lasci acceso.
- capisco il tuo punto... ma se sto via una settimana che cosa faccio? sei ancora convinta che sia più economico?
- beh... non so. ma a che temperatura tieni l'acqua dei termosifoni?
- sui cinquanta...
- cinquanta? devi tenerla più alta!
- scusa, a casa a che temperatura li tieni?
- spetta che vado a vedere...
- ...
- 4 tacche.
- ah, 4 tacche. io 50 gradi.
- devi tenerli più alti!
- mamma... esiste un tradeoff tra efficienza energetica e velocità di riscaldamento di casa...
- ma me l'ha detto il caldaista!

questa discussione va avanti da 2 settimane.
senza esito.
insomma... mettere una pentola sul fuoco con l'acqua per fare la pasta la mattina per avere acqua calda la sera sostenendo che sia più efficiente non so... e per quanto ne so... più alzo la temperatura dei termosifoni più la caldaia diventa inefficiente...

che ne dite?

8 commenti:

Lele ha detto...

Che hai bisogno di un po' di ferie!!
O di un corso di sopravvivenza!!!
;-P

Dj Fabio mix ha detto...

Ti lascio gli orari impostati STANDARD della mia caldaia.
dopo una settimana ho raggiunto
una temperatura che và da 17 a 19
gradi.

dalle 00.00 alle 05.30 spento

dalle 05.30 alle 07.30 acceso si spegne a 19°

dalle 07.30 alle 11.30 si accende se scende sotto i 17°

dalle 11.30 alle 13.30 acceso si spegne a 19°

dalle 13.30 alle 17.30 si accende se scende sotto i 17°

dalle 17.30 alle 22 acceso si spegne a 19°

dalle 22.00 alle 00.00 spento

vediamo i risultati speriamo non costi troppo...

Anonimo ha detto...

io tengo il riscaldamento a 66-69° costante... ad aria... comodo, i panni ti asciugano in un baleno (anche se devo dire che è più comoda l'asciugatrice).
ovviamente i gradi sono in F°

La Woodstock ha detto...

Da caldaista (capito a fagiolo!!), ti posso dire che il riscaldamento non andrebbe mai spento del tutto, ma lasciato almeno su una temperatura di 15 grandi quando non ci sei. Anche perché in questo modo eviti che ti si geli la caldaia se è montata all'esterno (nel caso saresti costretto a buttare la caldaia) o le tubature se invece ce l'hai in casa e non sono ben coibentate(e lì devi aspettare il disgelo)... Sembra un paradosso, ma consumi di meno se lo lasci sempre acceso al minimo e anche per la caldaia è meglio... :)

arry ha detto...

@lele: vada per le ferie ad un corso di sopravvivenza!
@djfabio: precisissimo, come sempre!
@anonimo: 69F sono un miraggio per me...
@la woodstock: caldaista?! fico! btw... diciamo che sono attualmente più sui 16 quando ci sono e 10 quando non ci sono... sai, si dorme meglio al freddo... :D (ah, la caldaia -interna- c'ha di suo l'antigelo sotto una certa temperatura...)

La Woodstock ha detto...

Fico eh?
Insomma........ :(
Comunque l'antigelo protegge solo la caldaia, i tubi no, lo sai? quindi i tubi possono comunque gelare, sallo!

OrsaLè ha detto...

Se si aggiunge che il simpatico signorino non ha controllato se c'era o meno aria nei caloriferi è stato detto tutto...

;)))

Milena ha detto...

Boh io so solo che ho sempre caldo troppo caldo!
:(